Just another A-Nuclear site

Green Wars

La US Navy, dopo una soddisfacente sperimentazione di olio combustibile prodotto dalle alghe, spera di poter alimentare almeno il 50% della sua flotta grazie a un mix di biocarburanti ed energia nucleare da qui al 2020. Il Dipartimento dell’ Energia Usa ha sovvenzionato Solazyme per costruire una raffineria di BioFuel per le esigenze della US Navy. Già dagli anni ’70 il nerbo della flotta da guerra più grande del mondo è alimentata da turbine termonucleari montate sulle principali portaerei d’ attacco e sottomarini lanciamissili.

Il 18 marzo 2011 è stato concluso con successo un test nel quale è stato fatto volate un F-22 Raptorun caccia militare alimentato al 50% con biofuel ottenuto da Camelina Sativa.Il volo faceva parte di un esperimento, riuscito con successo. Il caccia militare ha volato fino a 40.000 piedi senza nessun problema, superando una volta e mezzo la velocità del suolo. L’ obbiettivo dell’ USAF è quello di alimentare il 50% delle sue forze aeree con il Biofuel entro il 2016.

Il Picco del Petrolio è già Passato. La guerra continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...