Just another A-Nuclear site

Vivere con le radiazioni.

Sacrifici    da Vogliaditerra.com  “Il modo di trattare con la situazione drammatica del governo giapponese è questo: minimizzare, tranquillizzare e intanto aumentare le dosi massimi ammesse. Se prima toccava ai operatori/liquidatori di vedersi alzato il livello da 100 a 250mSv adesso lo sono i bambini nelle scuole di Fukushima. Per loro la dose massima consentita è identica a un operatore di una centrale nucleare tedesca, 20mSv/anno. Il consigliere convocato dal governo Toshiso Kosako, professore di Tokyo specializzate in misure anti-radiazione si è dimesso, trattenendo le lacrime alla conferenza stampa. I consiglieri governativi sono molto stimati, e molto raramente si ritirano. 20mSv/anno corrispondono per caso a 3,8µSv/h, all’incirca i valori massimi presenti adesso.”

Aggiornamento : A Fukushima 250 Genitori furenti hanno consegnato una borsa piena di terra molto radioattiva (32µSv/h) prelevata da un parco giochi e l’ hanno consegnata alle autorità scolastiche. Fonte

(ANSA) – TOKYO, 30 APR – Una limitata quantità di sostanze radioattive è stata rilevata nel latte materno di sette donne in Giappone, a seguito di un test governativo effettuato su un campione di 23 residenti di Tokyo e altre quattro prefetture a est e nordest della capitale. Lo ha riferito oggi il ministero della Salute nipponico.

La città di Koriyama, nella prefettura di Fukushima, ha l’intenzione di rimuovere terriccio contaminato dalle  radiazioni dai cortili delle scuole, per permettere ai bambini di riprendere le attività all’aperto. Koriyama sorge a circa 50 chilometri ad ovest della centrale nucleare di Fukushima Daiichi e a fine settimane inizierà togliendo la parte superficiale del terreno, da uno a due centimetri, dai cortili di 15 scuole elementari e medie e di 13 scuole materne. L’amministrazione cittadina ha detto che comunque, dopo l’operazione consentirà le attività all’aperto nelle scuole solo per un’ora al massimo e dopo che la sicurezza dei cortili sarà confermata da nuove raccolte di dati. (27 Aprile)

Secondo quanto riferisce una ong giapponese deboli tracce di radioattività sono state rilevate in quattro campioni di latte materno provenienti dalle Prefetture che circondano la capitale Tokyo: il ministero della Sanità giapponese condurrà “a scopo precauzionale” dei test sul latte materno dopo che deboli tracce di radioattività sono state riscontrate in quattro campioni provenienti da madri residenti in località vicino Tokyo.
“Riteniamo che non vi sia nulla di cui preoccuparsi”,  ha spiegato il portavoce del governo nipponico, Yukio Edano.
21 apr. (TMNews)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...