Just another A-Nuclear site

Fukushima: radioattività nell’ Oceano #2

La perdita d’ acqua dal Reattore N.3 di Fukushima (alimentato a MOX uranio-plutonio) è durata 41 ore ed ha disperso in mare 250 tonnellate di acqua contenente all’ incirca 20 terabequerels di sostanze radioattive. La perdita , scoperta il 10 maggio, in un pozzo vicino a una presa d’ acqua del sistema di raffreddamento del reattore, è stata chiusa con il calcestruzzo dai liquidatori della Tepco.  Sunday 22nd May, 04:51 AM    Fonte : JapanToday   from TEPCO

Rispetto alla perdita dal Reattore N.2 del 1 Aprile , quando per una settimana 500 tonnellate di acqua con 4.700 terabequerels di radioattività finirono nell’ Oceano Pacifico, quest’ ultima del 10 maggio non merita attenzione, e infatti è passata inosservata sotto le videocamere dei Big dell’ informazione mondiale.

Intanto la mega-float , una gigantesca piattaforma galleggiante, viene portata a Fukushima per essere riempita di acqua radioattiva.

Secondo la Tepco il rilascio di acqua radioattiva è pari al normale funzionamento della centrale per 100 anni , infatti le centrali nucleari normalmente e legalmente rilasciano radioattività nell’ ambiente, in particolare nell’ acqua che viene usata in stretto contatto con il combustibile nucleare e in ogni fase del processo di produzione di energia.

Tuttavia la reale contaminazione del mare non è ancora conosciuta : una nave di Greenpeace che voleva fare prelievi di acqua nei pressi della centrale non è stata fatta avvicinare, l’ equipaggio si è accontentato di raccogliere campioni di alghe molto lontani dalla centrale in una zona dove i pescatori continuano a pescarle e la radioattività rilevata era di 10.000 Bequerel per chilogrammo (Bq/kg), oltre cinque volte i limiti ufficiali di sicurezza.

Per ora pochi stanno studiando la reale contaminazione degli oceani a largo raggio : tra questi Ken Buesseler, un oceanografo chimico del Woods Hole Oceanographic Institution, ed Henrieta Dulaiova, della University of Hawaii . Per il momento l’ unica cosa certa è che la contaminazione dell’ acqua è di un grado molto più elevato rispetto a Chernobyl, la cui radioattività fu sopratutto rilasciata nell’ atmosfera. Ma la realtà è che ancora nulla si sa riguardo ai potenziali effetti futuri sulla vita del pianeta, sui rischi della contaminazione della catena alimentare dal Pacifico all’ Atlantico.

Questa la Mappa di radioattività marina nel 1990 dopo Chernobyl :

Se tutto questo vi sta facendo diventare pazzi , potete andare in Giappone a farvi curare gratis : il Governo infatti ha annunciato un piano di dieci anni di sorveglianza sulla salute fisica e mentale di un totale di 30.000 persone nel Nord-Est del Giappone, l’ area colpita dal disastro di Fukushima. Fonte JapanToday

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...